Quodlibet Abyssinians

allevamento amatoriale di abissini riconosciuto ANFI e FIFe
italian English |
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Descrizione (12485 letture)
di Maria Grazia Bregani - Presidente del Club Italiano del Gatto Abissino e Somalo

Descrizione: gatto di media taglia, snello ed elegante, con arti, coda, collo lunghi. Per queste caratteristiche morfologiche, è classificato dagli Inglesi nella categoria FOREIGN (straniero), che si differenzia da quella del gatto COBBY (massiccio) che individua gatti come l’Europeo, il Persiano, il British shorthair, ecc., connotati da arti, coda, ecc. più corti e da una corporatura più pesante.
Come impressione generale, l’abissino è un gatto dal colore intenso, in cui sia ben visibile il ‘ticking’, di corporatura media e di aspetto regale, ben proporzionato. E’ un gatto snello, forte e muscoloso, attivo e vivace, con una spiccata curiosità per tutto ciò che lo circonda e ben equilibrato di carattere.

Scendendo nei singoli particolari che lo definiscono, normati dallo STANDARD DI RAZZA, l’abissino è così strutturato:

Testa
: di proporzioni medie, ricorda la forma di un triangolo equilatero dai contorni arrotondati, senza superfici piatte. L’impressione è quella di linee aggraziate, senza angoli netti che separino fronte da zigomi, guance, collo. Di profilo, presenta un lieve ‘stop’ (incurvatura, come una ‘S’) tra la fronte e il naso: il profilo non deve cioè essere dritto (linea retta che unisce canna nasale a fronte) né presentare un ‘break’ (stacco netto tra fronte e canna nasale, come un ‘gradino’). Il naso è di dimensioni medie; può presentare un leggero ‘bump’ (piccola gobba) o essere dritto, ma non deve essere camuso (all’insù). Il mento è forte (non prognato né enognato), in linea retta con la punta del tartufo. Il muso non deve essere troppo appuntito (come quello di una volpe o di un siamese), ma neanche squadrato (come quello di un Maine Coon) e deve presentare linee morbide: non deve essere ‘pinzato’. Nel maschio compaiono le cosiddette ‘guance’, che conferiscono alla testa una espressione più imponente e massiccia. La fronte è ampia e la testa bombata, il collo arcuato e piuttosto lungo. La testa è portata in posizione eretta, cosa che conferisce all’abissino la tipica espressione di gatto ‘all’erta’ e regale.

Orecchie
: di dimensioni medio-grandi (si nota soprattutto nei cuccioli), ben aperte e larghe alla base, presentano la tipica forma ‘a coppa’. Devono essere posizionate come se fossero proiettate in avanti, come è proprio di chi si pone in ascolto, all’erta. Hanno punte leggermente arrotondate. Sulle punte possono comparire ciuffetti di pelo (in realtà oggidì difficilissimi da vedere in un abissino) e sul retro è preferibile si presenti la cosiddetta ‘impronta di pollice’. Non devono essere poste dritte sulla testa (come nel gatto europeo), ma neanche devono essere posizionate troppo basse (come in un siamese). Si dovrebbe poter tracciare una linea retta dalla punta del mento alla punta delle orecchie, lungo la linea della mascella.

Occhi: ben distanziati, grandi, a forma di mandorla larga (come un limone), brillanti ed espressivi. Non devono essere né troppo rotondi (come quelli di un persiano o di un british shorthair), né troppo a mandorla (come quelli di un siamese). Nei colori scuri (lepre e blu) sono bordati di nero (come truccati con la matita) e in tutti i colori sono evidenziati da una colorazione del pelo circostante chiara. Il colore può essere verde o in tutti i toni che vanno dal giallo all’ambra scuro. L’importante è che il colore degli occhi sia ben definito, brillante ed intenso e che sia in armonia con il mantello.
Lo sguardo deve essere aperto; l’espressione non è tanto quella di un gatto trasognato, quanto piuttosto ‘a metà tra il seducente e l’infuriato’, uno sguardo accattivante e sveglio.

Corpo: di media lunghezza, snello ed aggraziato, ma contemporaneamente ben sviluppato, con i muscoli in evidenza senza essere massiccio. L’impressione è quella di un gatto elegante, ma non troppo leggero (come un siamese) o compatto (come un europeo o un persiano). Il corpo deve essere flessuoso e scattante e si preferiscono equilibrio e proporzioni alla mera ‘stazza’. Il maschio deve essere più grosso della femmina e la muscolatura deve essere più sviluppata: risulta più massiccio di una femmina. Idealmente il corpo, zampe incluse, di un abissino deve poter stare inscritto in un quadrato. Il corpo in sé non deve quindi essere troppo lungo rispetto alle zampe, né troppo tozzo.

Zampe e piedi
: zampe lunghe e proporzionalmente sottili, dalle ossa sottili. I tendini e i muscoli sono in evidenza . L’abissino sembra stare e camminare sulle punte dei piedi. I piedi sono piccoli, ovali e compatti.

Coda: abbastanza lunga (almeno fino alle scapole. Deve essere lunga come le zampe), larga alla base, si assottiglia progressivamente, finendo in una punta morbida. Non deve essere troppo sottile, a frusta (come quella del siamese), né spessa come quella di un europeo o di un british shorthair.

Mantello: la tessitura è corta, fine, setosa, ma densa ed elastica (resilient) al tatto (non si deve sentire la pelle, non si deve sentire uno spessore come se ci fosse il sottopelo). Il pelo deve essere ben appiattito sul corpo, lucente e brillante. Se si fa il contropelo, il pelo deve tornare immediatamente nella posizione iniziale, senza restare sollevato. Il pelo è di media lunghezza: non deve essere troppo lungo, ma deve presentare una lunghezza sufficiente a mostrare pienamente il ticking.

Colore: nelle varietà non ‘silver’, il colore deve essere il più caldo ed intenso possibile. Il gatto deve presentare un ticking regolare e ben evidente (o ‘picchiettatura’: ogni singolo pelo presenta due o tre bande di colore, con punta del pelo che deve essere del colore più scuro: le bande di colore devono essere in contrasto ben evidente) in tutto il corpo, tranne dove non è previsto, (cioè su gola, ventre, parte interna delle quattro zampe). Una striscia più scura lungo la schiena fino alla punta della coda (che presenta un unico colore) è apprezzata. Il colore non deve digradare in modo troppo evidente dalla schiena ai fianchi. Il gatto non deve presentare residui tabby (le tigrature), se non sul muso, dove compaiono la caratteristica M sulla fronte ed alcuni segni tabby sugli zigomi. Questi residui tabby, ammessi e richiesti sul muso, non devono però essere troppo evidenti e non devono comparire su altre parti del corpo (p.e. marche o tigrature su collo, zampe, ventre, coda). Talora i cuccioli presentano questi residui tabby (detti ‘marche fantasma’, ‘ghost-marks’), che devono però sparire in età adulta. Il colore bianco è ammesso solo intorno ai baffi, sul mento e sulla parte alta della gola.. Non deve scendere troppo lungo la gola e non deve comunque raggiungere il petto. Macchie bianche in altre parti del corpo non sono ammesse. La base del pelo deve essere del colore base e non grigiastra o nettamente grigia.

Difetti penalizzanti: marche o ombre fantasma su parte interna e/o esterna di due zampe; striature fantasma sulla coda; striature a ‘collare’ -aperto in centro-, sulla gola (collare aperto), o marche semplici o doppie ai lati della gola; muso con troppe striature, muso senza striature. Colore grigio alla base del pelo; colore pallido e smorto; ticking non ben sviluppato/visibile; muso troppo affilato e allungato (siamesoide) o troppo rotondo e/o squadrato. Muso ‘pinzato’. Occhi troppo rotondi o troppo a mandorla. Profilo dritto. Orecchie piccole, orecchie dritte; orecchie posizionate troppo basse.

Difetti che precludono il certificato (determinano la squalifica nelle esposizioni): striature sulle 4 zampe e/o su ventre e coda; collare chiuso; macchie bianche sul corpo, dove non ammesso; ticking inverso (il pelo presenta alla sommità una banda chiara invece che scura); eccessivo colore grigio alla base del pelo che si estende per la maggior parte del corpo; assenza di ticking dove richiesto; kink (gancio o nodo) alla coda; qualunque difetto fisico evidente, come numero scorretto di dita dei piedi, monorchidismo nei maschi.


© 2004 - 2005 Maria Grazia Bregani
Digest SHA-1: a729f1ad40d2c3bfbe06e9bc4a7db22e790d9ab5
Creative Commons License
This work is licensed under a
Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Italy License.
  _MD_SSECTION_PDF Versione per la stampa Invia a un amico...

Precedente-Successivo
Precedente I colori