Quodlibet Abyssinians

allevamento amatoriale di abissini riconosciuto ANFI e FIFe
italian English |
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
L'agouti (6707 letture)
di Maria Grazia Bregani - Presidente del Club Italiano del Gatto Abissino e Somalo

L'abissino è un gatto agouti. L'agouti è un gene che agisce sulla pigmentazione del pelo, a livello della produzione di melanina. Infatti ha l'effetto di inibire ad un certo punto della crescita del pelo la produzione di eumelanina e di favorire quella di feomelanina.
Il pelo nascerà quindi nero o marrone o cinnamon (pigmenti eumelaninici), ma crescendo, la pigmentazione eumelaninica verrà sostituita dalla pigmentazione feomelaninica (giallastra), fenomeno che si può presentare più volte nel corso della crescita del singolo pelo.
Ne conseguirà che il pelo di un gatto che possiede il gene agouti sarà contraddistinto da più bande di colore alternate: la punta sarà scura, ci sarà poi una banda giallastra, cui seguirà un'altra banda scura, ecc., fino alla base del pelo che deve essere giallastra.

In un gatto in cui manca il gene agouti, il melanocita (la cellula specializzata a produrre melanina) continua a produrre solo eumelanina, poiché manca il gene che determina la produzione alternata di eumelanina e feomelanina.
Ne consegue che il pelo di un gatto in cui manca il gene agouti sarà a tinta unita per tutta la sua lunghezza.

Il gene agouti è dominante: si indicherà quindi con una lettera maiuscola: A (agouti).
Quando si tratta di un carattere determinato da un gene dominante, questo carattere si esprime sia che la coppia allelica presenti lo stesso carattere (omozigosi, coppia allelica AA), sia che questo carattere sia presente solo in uno dei due alleli (eterozigosi, coppia allelica Aa).

Quindi fenotipicamente (si dice fenotipo l'espressione di un dato carattere) il pelo di un gatto comparirà come agouti, cioè caratterizzato dall'alternanza di eumelanina e feomelanina, sia che il gatto sia omozigote per questo carattere (AA: entrambi gli alleli sono agouti), sia che il gatto sia eterozigote per questo carattere (Aa: solo un allele è agouti).

Se il gatto è omozigote aa, significa che nessuno dei due alleli è agouti. Quindi il gatto non presenta il carattere agouti: è cioè 'a tinta unita'.
L'agouti, a seconda di come si distribuisce su tutto il mantello del gatto, determina l'espressione di quello che viene chiamato disegno (pattern).
Un gatto il cui mantello è contraddistinto dalla presenza di un disegno è quindi un gatto che ha nel suo bagaglio genetico (genotipo) il gene dell'agouti e tradizionalmente si definisce un gatto "tabby"; mentre un gatto che è 'a tinta unita' non ha nel suo bagaglio genetico il gene agouti e si definisce gatto self o solido.

In realtà tutti i gatti, come specie, sono tabby, hanno cioè il mantello che presenta un disegno; ma non tutti sono agouti: quelli che non presentano il gene agouti appariranno, alla vista, come gatti "solidi", poiché l'assenza dell'agouti impedisce al disegno di essere visibile.


Il disegno (pattern)
La presenza del gene agouti consente la manifestazione di 4 diversi tipi di disegno, che possono essere anche sommati:
  1. Ticked (il mantello si definirà Ticked tabby: è il disegno dell'abissino e somalo), geneticamente indicato con Ta.
  2. Mackerel (il mantello si definirà Tabby mackerel: è il tipico disegno tigrato), geneticamente indicato con T.
  3. Blotched, o classico (il mantello si definirà Tabby blotched: è il disegno marmorizzato), geneticamente indicato con Tb.
  4. Spotted (il mantello di definirà Tabby spotted: è il disegno che presenta macule, che possono essere di varia grandezza e distribuzione), geneticamente indicato con Sp.

La definizione genetica di un abissino riguardo all'agouti e al disegno del mantello sarà: AA TaTa.
Questo significa che l'abissino è geneticamente omozigote per il gene agouti (AA), perché la prole nasce sempre agouti (se fosse eterozigote ogni tanto dovrebbe nascere un gatto self) ed è geneticamente omozigote anche per il Ta (TaTa), perché la prole nasce sempre ticked (se fosse eterozigote dovrebbero comparire ogni tanto altri disegni; infatti la serie allelica è così descritta: Ta -> T -> Tb: Ta è dominante su T che è dominante su Tb).(Robinson's, 2004)
Gli studi più recenti ipotizzano che il gene Ta sia posizionato su di un locus diverso da quello di T e Tb e che sia epistatico rispetto a T (e di conseguenza anche Tb): questo significa che Ta, se presente, "maschera" l'espressione di T o Tb; impedisce cioé che T (o Tb) si esprima nel fenotipo.

Il ticking
Il gene Ta è responsabile del particolare disegno detto ticking. Il disegno ticked consiste nel fatto che ogni singolo pelo è suddiviso in diverse bande di colore lungo la sua lunghezza.
Il colore genetico del gatto è ravvisabile nelle bande scure.
P.e. un abissino lepre ha le bande scure del pelo color nero. Quello è il colore genetico del gatto, prescindendo dalle bande più chiare e dall'effetto finale che dà il mantello (quel tipico colore ruggine brunastro).
Il fatto che nell'abissino il disegno ticked sia molto più evidente e meglio definito che negli altri gatti agouti che lo presentano è dovuto alla selezione attuata negli anni al fine di perfezionarlo.

Tra tutti i disegni possibili, il ticked è quello più leggero, il meno evidente.

Tuttavia, trattandosi di un gatto tabby, anche l'abissino presenta altri tratti tipici di tutti i gatti tabby: striature facciali (meno evidenti che negli altri disegni, ma obbligatorie); la tipica M sulla fronte, tra i due occhi; il tartufo e gli occhi orlati del colore genetico del gatto (nero per un lepre); la presenza di bianco su porta-baffi e mento; la colorazione più chiara del pelo intorno agli occhi (i cosiddetti "occhiali").
Altri caratteri tipici di un gatto tabby sono i boots, cioè il fatto che tutta la pianta del piede deve essere del colore genetico del gatto (nera se si tratta di un lepre); le impronte di pollice sulle orecchie, cioè una macchia più chiara nel centro della pagina esterna del padiglione auricolare - cosa che è molto evidente nei cuccioli; anche le marche fantasma (collare aperto o marche sul collo; marche sull'interno delle zampe, ecc.) sono segni del fatto che il gatto è tabby.

Si è detto che l'agouti agisce inibendo la produzione di eumelanina e favorendo quella di feomelanina, in modo che lungo il pelo compaiano bande di colore scuro (eumelaninico) alternate a bande di colore chiaro (feomelaninico). Generalmente le bande chiare presentano una colorazione giallastra, tipo sabbia, in ogni colore eumelaninico.

Il rufismo
Nell'abissino il colore giallastro (feomelaninico) delle bande del pelo è modificato in un colore molto più caldo e intenso, quel fulvo che è la caratteristica fondante della razza.
Il fatto che le bande feomelaniniche siano molto più calde e intense di colore che in qualunque altra razza, fino a diventare fulve-rossicce, è dovuto allazione del rufismo.
Il rufismo è dovuto a poligeni: si tratta cioè del risultato dellazione combinata di più geni che concorrono insieme a determinare certe caratteristiche o mutazioni, cumulando il loro effetto. Si tratta quindi di un risultato molto mutevole e variabile, meno prevedibile di quanto non accada quando si parla di dominante/recessivo, poiché vi concorrono più geni che si sommano.
Anche il locus del rufismo è diverso da quello del colore, a significare che le due cose (colore e calore-intensità del colore) non sono correlate in un rapporto di necessità.
Anche in questo caso è la selezione che ha portato la razza a mantenere questa colorazione così calda e particolare.

Il tipico colore del pelo dell'abissino è quindi dovuto alla presenza dell'agouti che determina un disegno distribuito lungo la lunghezza del pelo. Questo disegno, il ticking, è costituito dall'alternanza di bande del colore genetico del gatto (p.e. nero per un lepre) + bande feomelaniniche il cui colore giallastro viene modificato in fulvo-rossiccio dall'azione del rufismo, determinante per definire la colorazione più o meno intensa delle bande chiare.

Un abissino dal colore 'brutto' (cioè smorto, chiaro e freddo) sarà geneticamente un gatto con poco rufismo: mancando il rufismo, prevarrà il colore giallastro tipico della feomelanina nelle bande chiare.
Un gatto in cui il rufismo è altissimo sarà invece un gatto in cui il rufismo, oltre a dare una colorazione molto intensa, se non scura, alle bande chiare di pelo, sarà in grado di coprire addirittura le parti chiare tipiche dei gatti tabby: mento, porta-baffi, addirittura M e occhiali, rendendo in generale meno visibili anche le marche facciali.

I colori
I colori (genetici) universalmente riconosciuti nell'abissino sono:
  1. il black (nero) (che dà il gatto chiamato lepre, ruddy, usual, vildtfarbet). Il nero geneticamente di designa con la lettera B (black), ad indicare che si tratta di un colore dominante.
  2. il cinnamon (cannella) (che dà il gatto chiamato sorrel). Il cinnamon geneticamente si designa con le lettere bl, ad indicare che si tratta di un colore recessivo.

Sia black che cinnamon sono colori eumelaninici, cioè tutti modificazioni del nero.
I colori eumelaninici sono 3: Black (B), chocolate (b), cinnamon (bl).

Ecco la serie allelica: B -> b -> bl

Il black è dominante sul chocolate che è dominante sul cinnamon.

Giacché la FIFe non riconosce il chocolate nell'abissino, qui si tratterà solo dei colori riconosciuti da questa Associazione.

Un gatto black (lepre) omozigote sarà quindi BB.
Un gatto black (lepre) eterozigote sarà Bbl, cioè potrà portare il cinnamon (sorrel), ma il suo fenotipo sarà di un gatto black (lepre), giacché il B è dominante sul bl.
Un gatto cinnamon (sorrel), sarà necessariamente omozigote blbl, poiché si tratta di un colore recessivo.
Quando infatti si ha a che fare con caratteri recessivi, per avere l'espressione del carattere è necessario che si sia in omozigosi (se si è in eterozigosi comparirà infatti il carattere dominante).

Bisogna ricordarsi che, se anche la serie allelica è composta da 3 colori, in un locus ci possono essere solo due alleli!

Quindi, volendo definire geneticamente un gatto abissino lepre omozigote, che cioè è black e porta black, avremo: AATaTa BB

Un abissino lepre eterozigote, che porta cinnamon (sorrel): AATaTaBbl

Un abissino cinnamon (sorrel): AATaTablbl

  _MD_SSECTION_PDF Versione per la stampa Invia a un amico...

Precedente-Successivo
Precedente Il silver Diluizione Successivo